VIROPLANT – Virome NGS analysis of pests and pathogens for plant protection

TITOLO PROGETTOVIROME NGS ANALYSIS OF PESTS AND PATHOGENS FOR PLANT
PROTECTION
ACRONIMOVIROPLANT
PARTNERIPSP-CNR, Katholieke Universiteit Leuven (B), University of Reading (UK), The Finnish Forest Research (Fin), Institute- Vantaa (Fin), INRA – Montpellier (F), University of Valencia (S), Institute of Biodiversity (D), Thunen (D), EV-ILVO (B), Utrecht University (NL), Universidad Politécnica de Madrid (S), University of Milano Bicocca (I), METEC (I), APS Biocontrol Ltd. (UK), GAB Consulting (D), Elephant Vert (F), Agrion (I), Boerenbond (B)
ENTE FINANZIATORECNR – HORIZON 2020
DATA D’INIZIO2018
DURATA3 anni
OBIETTIVOIl concetto alla base di VIROPLANT è quello di sfruttare la diversità genetica in gran parte inesplorata dei virus che infettano agenti patogeni e parassiti di colture orticole e frutticole economicamente importanti al fine di sviluppare strumenti altamente specifici, mirati e basati sulla natura per il controllo biologico.
DESCRIZIONELa tecnologia di sequenziamento di nuova generazione (NGS) si è rivelata fondamentale per chiarire la complessità e il ruolo del microbioma associato a piante e animali. L’obiettivo di VIROPLANT è applicare la tecnologia NGS a esperimenti biologici empirici per sviluppare nuove soluzioni ambientali, strategie di controllo amichevoli basate su virus per gestire malattie trasmesse da batteri, funghi e insetti (fitoplasmi e virus) e insetti nocivi. VIROPLANT promuoverà lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi prodotti, strumenti e strategie a base di virus per la gestione integrata di parassiti e malattie. In particolare, sarà studiato l’uso di appropriati cocktail di batteriofagi (virus che infettano i batteri) per ridurre al minimo la resistenza batterica a questi strumenti biologici di nuova concezione. Inoltre, l’applicazione di inoculi di virus a RNA sarà valutata per il loro impatto nel ridurre l’incidenza di parassiti di importanza agronomica. Il controllo basato su viroma di funghi, batteri e insetti, sfruttando la relazione naturale virus-ospite, aggiungerà nuovi strumenti all’arsenale della sostenibilità per la produzione vegetale. VIROPLANT incarna “l’approccio multi-attore” richiesto, in quanto riunisce i contributi non solo di 11 organizzazioni di ricerca (RO) di 9 paesi dell’UE, ma anche di servizi di divulgazione, associazioni di agricoltori e produttori, PMI biotecnologiche e società di consulenza che si occupano di questioni normative . Inoltre, i consumatori e la società civile saranno coinvolti attivamente nel pacchetto di lavoro sull’impatto sociale attraverso focus group.